cerca artista

News: Press

Date: 06/09/2018

Heure 20th september - 27th october 2018
Événement: Il Giornale dell'Arte - Cleto Luzzi

Date: 11/07/2018

Heure 8th july 2018
Événement: Classic and anti-rhetoric. Selva, the perfect sculptor

Date: 28/05/2018

Heure 18th may - 23th september 2018
Événement: For Dreams and for Chimeras. Giacomo Puccini and the visual arts

Date: 20/11/2017

Heure 11th November 2017 – 22th April 2018
Événement: LA TROTTOLA E IL ROBOT. Tra Balla, Casorati e Capogrossi

Date: 05/09/2017

Heure number 378 - September 2017
Événement: Il Giornale dell'Arte - 10 SCULPTURES. Tradition and modernity between the two wars

In occasione della XXX Biennale Internazionale di Antiquariato di Firenze la Galleria Berardi presenterà una mostra dal titolo Dieci sculture. Tradizione e modernità fra le due guerre. Le opere, firmate da personalità artistiche di primo piano quali Attilio Selva, Duilio Cambellotti, Giovanni Prini, Amleto Cataldi, Ercole Drei, Alfredo Biagini, Eugenio Baroni, Sirio Tofanari, Dante Morozzi e Silvio Ceccarelli, offrono uno spaccato di grande interesse su quanto emergeva nella scultura italiana in un ristretto arco di anni che va dal 1920 al 1934. 
A farsi avanti è un linguaggio comune dalle molteplici declinazioni, che al di là delle differenze stilistiche e tematiche appare caratterizzato da un ritorno alla figura umana isolata, da una marcata semplificazione delle forme, da un riferimento all’antico in chiave sintetica e moderna. Sono questi i tratti salienti di un’intera stagione artistica, quella del ventennio che intercorre fra i due conflitti mondiali, che, partita dal ‘ritorno all’ordine’ seguito al fuoco delle avanguardie del primo decennio del Novecento, si mosse poi alla ricerca di soluzioni che corrispondessero alla modernità. 
Abbandonati il verismo tardo-ottocentesco, il simbolismo liberty e il dinamismo programmatico del Futurismo, gli scultori tornano a guardare Rodin e alla potente presenza della statua, armati da una decisa volontà di rinnovamento. È il caso, ad esempio, di Selva, che partito da un elegante simbolismo di ascendenza bistolfiana inaugurò nel 1919 a Roma la stagione novecentista con le sue Enigma e Susanna, sculture dai volumi solidi e dalle linee forti, che appaiono attraversate da una nuova energia. Il successivo Ritmi (1922), presente in mostra, illustra con chiarezza come il rimando alla statuaria antica, elemento chiave del nuovo classicismo novecentista, sia utilizzato da alcuni fra gli artisti più avvertiti in modo evocativo, per parlare all’uomo moderno delle sue inquietudini. 
Il catalogo della mostra, curato da Alessandra Imbellone, si avvale della collaborazione di studiosi del settore quali Maria Paola Maino, Manuel Carrera ed Eugenio Costantini.
 
1 2 3 4 /5

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.fr - Site Internet: www.maestrionline.fr
Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
Adresse: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - VAT: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. - Privacy and Policy