cerca artista

News: En évidence

Date: 05/02/2016

Il momento opportuno

Date: 29/12/2015

The little sculptor

Date: 07/12/2015

The African Hunter by Scipione Moretti

Date: 26/10/2015

ARTURO NOCI - Canale di Terracina (1913)

Il dipinto, uno dei capolavori del Noci paesaggista, appartiene ad una serie di opere che l’artista realizza nell’estate del 1913 a Terracina. Si tratta di un momento particolarmente felice della sua carriera: il 1913 è infatti l’anno della prima mostra della “Secessione” romana, di cui Noci era tra i fondatori, nonché uno degli artisti di punta. In aperto confronto con i protagonisti del panorama artistico internazionale, Arturo Noci presentava alla Secessione una pittura dal linguaggio moderno ed elegante, interpretando la tecnica divisionista secondo una visione del tutto personale. Osservando il dipinto si noterà come la composizione sia sostanzialmente divisa in due parti, tecnicamente assai diverse tra loro: nella fascia superiore, il fitto fogliame è reso con tocchi di colore puro divisi con rigore scientifico, in linea con le teorie del pointillisme; in quella inferiore, invece, la pennellata è larga e sintetica. Per Noci, infatti, il divisionismo costituisce un espediente tecnico per ottenere effetti cromatici vivi e luminosi, da impiegare di quadro in quadro in maniera differente secondo le esigenze del caso.

L’artista presentò le vedute di Terracina realizzate nel 1913 alla Biennale di Venezia del 19141 e alle mostre della Secessione del 19142 e del 19153. Il dipinto in esame potrebbe essere identificato proprio in una delle opere dal generico titolo “Paesaggio – Terracina” esposte in quelle occasioni. L’ipotesi è suffragata dalla presenza di una fotografia dell’opera nell’archivio fotografico dell'artista.

Manuekl Carrera

1

 Esposizione Internazionale d’arte della Città di Venezia – XI, Catalogo della mostra, Venezia 1914, p. 35: Sala 5 (Sala Internazionale): Lyda Borelli; Le dune di Canneto (Terracina); Il canale del Mortaccino.

 

2

 Seconda Esposizione Internazionale d’Arte della “Secessione”, Catalogo della mostra, Roma 1914, p. 26: Sala 2 (Internazionale): Paesaggio – Burano; L’arancio; Paesaggio – Terracina.

 

3

 Terza Esposizione Internazionale d’Arte della “Secessione”, Catalogo della mostra, Roma 1915, p. 29: Sala 5 (Internazionale): Canale del Mortaccino; Nudo; p. 30, Le dune di canneto – Terracina; Aster; Ritratto di bambina.

 

Arturo Noci

Canale di Terracina, 1913

Olio su tela

cm 105 x 100

Firmato e datato in basso a destra: Arturo Noci / 1913

Bibliografia: M. Fagiolo, P. Spadini, L. Djokic (a cura di), Arturo Noci: un pittore tra Roma e New York 1874-1953, Roma, Galleria Campo dei Fiori, 7, p. 103, n. 160 (ripr. p. 107).

 

Date: 25/09/2015

BALDASSARRE LONGONI - Lago di Como

Compì la sua formazione all'interno dell'Accademia di brera a Milano. Tratta il paesaggio e la figura. Dapprima seguì la tecnica divisionista, poi l'abbandonò senza ripudiarla. I suoi primi dipinti, "Mattino di primavera" e "La roccia delle Vergini", esposti nel 1900, furono assai discussi. Seguirono: "Ora mistica", trittico esposto a Venezia, alla Biennale del 1903; "Natura in festa", presentato nel 1905 all'Internazionale di Monaco; "Fascini della primavera" e "Mare", alla Biennale di Brera del 1906; "Cariatidi", con cui partecipò nel 1907 alla Biennale Veneziana e nel 1909 all'Internazionale di Monaco; "Tramonto di una coscienza serena", che gli valse il premio Mylius; "Notte", che nel 1910 vinse il 1° premio Principe Umberto e venne acquistato dal Comune di Milano per la sua Galleria d'Arte Moderna; "Castiglione d'Intelvi", che gli fruttò il premio Ricci ed ora è proprietà dell'Accademia di Brera. Altri lavori: "Lago alpino", esposto a Brera nel 1908 e appartenente all'ing. Magnocavallo di Brescia; "Crepuscolo", presentato a Venezia nel 1909 e acquistato dal signor Cantaluppi di Como. "Valcamonica bassa" (dal «Trittico voltiano» esposto nel 1927 alla Mostra Voltiana di Como), ora proprietà del comm. Ceschina di Val d'Intelvi, il quale possiede una ventina d'altri dipinti dell'artista; "L'albero morto"; "Il fieno in Brianza", già nella Galleria del comm. Ingegnoli di Milano; "Notte sul cielo di Verona", proprietà di Mario Alberti di Milano, il quale possiede una decina d'altre opere del Longoni; "Soffio di vento primaverile"; "La Villa dei cipressi sotto la pioggia", acquistato dal Re.

2 3 4 5 /6

Galleria Berardi - Arte dell'Ottocento e del primo Novecento

email: info@maestrionline.fr - Site Internet: www.maestrionline.fr
Berardi Galleria d’Arte S.r.l.
Adresse: Corso del Rinascimento, 9 - 00186 Roma - VAT: 06383751002
Copyright © 2015 Berardi Galleria d’Arte S.r.l. - Privacy and Policy